SWISS

SWISS risultati primo semestre 2020

Tempo di lettura 3 minuti

Le conseguenze della pandemia di coronavirus hanno avuto un forte impatto sui risultati economici anche di SWISS per i primi sei mesi del 2020, con una perdita operativa di 266,4 milioni di franchi per il periodo, rispetto a un utile operativo di 245,3 milioni di franchi per il primo semestre del 2019.

I ricavi totali del primo semestre 2020 sono ammontati a 1,17 miliardi di franchi, con un calo del 55% rispetto ai 2,57 miliardi di franchi1 dello stesso periodo dell’anno precedente.

SWISS ha trasportato il 64,0% in meno di passeggeri nella prima metà del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il load-factor del 71,2 per cento, 10,8 punti percentuali in meno rispetto al primo semestre 2019.

SWISS sta registrando una ripresa della domanda per le rotte europee, mentre per quelle intercontinentali, viste le restrizioni e la situazione epidemiologica critica in diversi paesi sono ancora modeste.

Non è attualmente possibile effettuare previsioni sugli utili per l’intero 2020.

Alla luce della situazione generale ancora estremamente dinamica e dell’imprevedibilità di ulteriori sviluppi, non è ancora possibile effettuare previsioni per il risultato EBIT rettificato per l’intero anno 2020.

“Grazie alle azioni rapide intraprese per salvaguardare la nostra liquidità, i nostri costi fissi sono stati sostanzialmente ridotti”, afferma Markus Binkert, Chief Financial Officer. “Con i prestiti del Gruppo Lufthansa e le potenziali linee di credito bancarie garantite dalla Confederazione Svizzera, la nostra liquidità è al sicuro. Ma dobbiamo ancora ridurre ulteriormente i nostri costi strutturali, per garantire che possiamo rimborsare i nostri prestiti il più rapidamente possibile. “

SWISS realizzerà un ulteriore revisione dei costi per i prossimi mesi, tra cui un’analisi approfondita della flotta ed il suo utilizzo e il blocco di tutti gli investimenti che non sono essenziali per i voli e le operazioni commerciali.

Il secondo trimestre è stato particolarmente colpito dalla pandemia di coronavirus

Mentre i suoi effetti erano già stati avvertiti nel primo trimestre, è stata nel secondo trimestre del 2020 che la pandemia di coronavirus ha avuto un impatto particolarmente duro sulle attività commerciali di SWISS.

Con le restrizioni ai viaggi imposte in tutto il mondo, SWISS è stata costretta a ridurre al minimo gli orari dei voli e a lasciare a terra gran parte della sua flotta per diverse settimane.

I ricavi sono diminuiti di conseguenza: i 243,7 milioni di CHF generati nel secondo trimestre 2020 sono diminuiti dell’82,8% rispetto agli 1,41 miliardi di CHF1 dell’esercizio precedente. Il periodo ha anche prodotto una perdita d’esercizio di 182,3 milioni di CHF, a fronte di un utile d’esercizio di 196,9 milioni di CHF nello stesso periodo dell’anno scorso.

Passeggeri

SWISS ha trasportato un totale di 3.167.624 passeggeri nella prima metà di quest’anno, il 64,0% in meno rispetto al periodo dell’anno precedente.

Sono stati operati in totale 29.667 voli, il 59,5 per cento in meno rispetto alla prima metà del 2019, circa il 57,1%di capacità in meno è stato offerto in tutto il sistema in termini di posti disponibili a chilometro di posto (ASK), mentre il volume di traffico totale nella prima metà RPK e’ diminuito del 62,7%.

Load factor e’ stato del 71,2 per cento, in calo rispetto al periodo dell’anno precedente di 10,8 punti percentuali.

Il calo mensile più intenso di volumi di passeggeri è stato del 99,2 per cento di aprile. Il numero di passeggeri per giugno era ancora del 92,2% in meno rispetto al 2019. Il fattore di carico del sedile di giugno 2020 è stato pari al 41,6%, 45,5 punti percentuali al di sotto del livello dell’anno precedente.

Voli di rimpatrio e Cargo

Oltre a mantenere una rete minima di collegamenti aerei tra la Svizzera e il mondo, SWISS e la sua compagnia aerea gemella Edelweiss hanno operato 35 voli di rimpatrio fino all’inizio di luglio 2020 con circa 7.400 viaggiatori, principalmente cittadini svizzeri, verso la Svizzera da tutto il mondo come parte di il più grande programma di rimpatrio mai condotto dal Dipartimento federale degli affari esteri.

La divisione Swiss WorldCargo dell’azienda ha anche effettuato poco meno di 600 voli cargo dedicati fino alla fine di giugno, trasportando oltre 15.000 tonnellate di merci (principalmente medicinali e altri articoli medici) per rifornire il popolo svizzero e sostenere l’economia svizzera.

Ulteriori riprese di servizio previste

Le operazioni di volo minime di SWISS sono state costantemente aumentate a giugno al 15-20% della capacità inizialmente prevista.

Entro questo autunno, circa un terzo delle capacità dell’azienda dovrebbe essere nuovamente offerto all’85% circa delle destinazioni che godevano del servizio SWISS prima dell’inizio della crisi.

Due terzi della flotta SWISS a 91 velivoli sono tornati in funzione da luglio – 41 aerei a corto raggio e 17 a lungo raggio, questi ultimi con tre Boeing 777 che sono stati temporaneamente convertiti per trasportare anche merci sul loro ponte principale.

I mesi estivi hanno incentivato la domanda verso le direttrici europee, anche il fattore di carico e’ quasi ai livelli del 2019, sebbene con capacità sostanzialmente inferiori.

Queste tendenze positive nella domanda di viaggi aerei in Europa ci rendono cautamente ottimisti“, afferma Thomas Klühr, CEO di SWISS. “Siamo ben consapevoli, tuttavia, che abbiamo ancora molta strada da fare prima che questa crisi venga superata. E un fattore cruciale per la nostra ripresa sostanziale e sostenibile saranno gli ulteriori sviluppi nella nostra attività intercontinentale, in particolare da e verso la regione chiave del Nord America “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi