easyJet

Q3 easyJet, risultati e previsioni

Tempo di lettura 3 minuti

Risultati in linea con le previsioni, continua il focus su redditività e attenzione ai costi.

Le entrate totali di easyJet per il trimestre conclusosi il 30 giugno 2020 sono state pari a £ 7 milioni, indebitamento a £ 3,39 miliardi.

easyJet ha ripreso a volare il 15 giugno, trasportando 117.000 passeggeri con una capacità totale di 132.000 posti nelle restanti due settimane del trimestre.

Il programma iniziale comprendeva solo 10 rotte con un load factor dell’88,9%, nel mese di luglio easyJet ha trasportato poco più di 2 milioni di passeggeri con un fattore di carico dell’84%.

Costi

I costi totali totali per il trimestre sono stati £ 332,1 milioni, il 79% in meno rispetto al terzo trimestre del 2019.

I costi operativi nel corso del trimestre sono inferiori di £ 30 – £ 40 milioni a settimana, con un consumo totale di cassa per il terzo trimestre di £ 774 milioni rispetto al £ 1 miliardo precedentemente ipotizzato.

easyJet prosegue nel piano di ristrutturazione che mira a favorire la redditività e garantire ad easyJet una posizione ancora più competitiva al termine della crisi, con una riduzione dei costi ed il ridimensionamento della struttura operativa e delle basi/flotta.

Prevista la riduzione del personale del 30% ed una riorganizzazione del lavoro per aumentare efficenza e produttività, attualmente e’ in corso la consultazione con i rappresentanti dei lavoratori.

Johan Lundgren, CEO di easyJet, commentando il trading Q3 ha dichiarato:
Ritornare di nuovo nei cieli ci consente di fare ciò che facciamo meglio e di portare i nostri clienti nelle vacanze più necessarie. Sono estremamente orgoglioso di tutto il nostro personale la cui cura e impegno, insieme all’introduzione delle nostre misure di sicurezza biologica leader del settore , hanno portato i punteggi di soddisfazione dei clienti a raggiungere un massimo dell’80% dal riavvio, con un aumento di 13 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Sono davvero incoraggiato dal fatto che abbiamo visto livelli di domanda superiori alle attese con un fattore di carico dell’84% a luglio, con destinazioni come Faro e Nizza che rimangono popolari tra i clienti. Le nostre prenotazioni per il resto dell’estate si stanno comportando meglio del previsto e di conseguenza abbiamo deciso di espandere il nostro programma nel quarto trimestre per volare a circa il 40,40 di capacità. Questo aumento del volo ci consentirà di collegare ancora più clienti a famiglia o amici e per fare le pause per cui hanno lavorato duramente. Nonostante la sfida che dobbiamo affrontare a causa della pandemia, rimaniamo non meno impegnati a soddisfare il desiderio dei nostri clienti di volare in modo sostenibile attraverso le nostre iniziative di riduzione delle emissioni di carbonio, compresa la compensazione per conto dei nostri clienti. Guardando al futuro, sono fiducioso che easyJet continuerà a servire bene i nostri clienti, offrendo il nostro rinomato servizio amichevole e valore attraverso la nostra rete senza rivali”.

Passenger Duty in UK

easyJet ritiene che il governo del Regno Unito abbia ora l’opportunità di utilizzare la rimozione temporanea della Air Passenger Duty per sostenere il recupero dell’aviazione nel Regno Unito.

“La pandemia sta avendo un impatto senza precedenti sul settore dell’aviazione. È una delle industrie più colpite ed è necessaria un’azione del governo in tutta Europa per mantenere la connettività e una valida infrastruttura aerea. Senza questo rischiamo danni a lungo termine al recupero. Ciò accelererebbe notevolmente la reintroduzione e la crescita del numero di voli e rotte disponibili nel Regno Unito, in particolare al di fuori di Londra.” si legge in una nota di easyJet.

Liquidità

Nel corso del trimestre è stato emesso il 9,99% del capitale sociale, a seguito di un collocamento di azioni il 25 giugno.

All’Assemblea generale del 14 luglio è stata concessa l’approvazione per l’emissione di un ulteriore 5%. Il ricavo lordo raccolto sull’emissione totale del 14,99% è stato di £ 419 milioni.

Ciò porta la liquidità totale raccolta finora dall’inizio della pandemia di Covid-19 a oltre £ 2,2 miliardi.

Al 30 giugno 2020 la posizione finanziaria netta era di £ 835 milioni (31 marzo 2020: £ 467 milioni; 30 giugno 2019: £ 332 milioni) che rappresentano equivalenti di cassa per £ 2.562 milioni e debito lordo inclusi contratti di locazione per £ 3.397 milioni. Questa posizione include la prima tranche del collocamento azionario pari a £ 279 milioni.

Dalla fine del trimestre sono stati incassati £ 137 milioni in contanti dalla seconda tranche del collocamento azionario e circa £ 140 milioni di proventi da operazioni di vendita e locazione. Ad oggi, i proventi della vendita totale e del leasing ammontano a £ 405 milioni.

Outlook

Sulla base delle attuali restrizioni di viaggio nei mercati in cui operiamo:

  • EasyJet prevede di volare a circa il 40% della capacità pianificata per il 4 ° trimestre 2020. Questo rispetto al 30% evidenziato in precedenza, e;
  • In base al programma attuale, easyJet prevede di registrare una perdita minore nel quarto trimestre rispetto a quanto riscontrato nel terzo trimestre
  • In questa fase, dato il costante livello di incertezza a breve termine, non sarebbe opportuno fornire altri orientamenti finanziari per il resto dell’esercizio finanziario 2020.
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi