IAG

IAG propone aumento di capitale per € 2,75 miliardi

Tempo di lettura 3 minuti

IAG International Consolidated Airlines Group, gruppo che controlla British Airways, Iberia, Aer Lingus e Vueling, ha proposto un aumento di capitale fino a € 2,75 miliardi.

IAG ha necessità di rafforzare la sua posizione finanziaria e competitività.

Qatar Airways, il maggiore azionista di IAG ( 25,1%), ha confermato il proprio sostegno all’aumento di capitale proposto e si è irrevocabilmente impegnato a sottoscrivere il proprio diritto proporzionale.

Qatar Airways ha proposto a due amministratori di far parte del Consiglio di amministrazione della Società in occasione dell’Assemblea degli Azionisti come amministratori non esecutivi, nell’ambito dei diritti di rappresentanza proporzionati di Qatar Airways ai sensi della legge spagnola.

IAG ritiene che l’aumento di capitale proposto, unitamente alla sua rapida risposta alla crisi, dovrebbe consentire al Gruppo di emergere dall’attuale pandemia in una posizione forte, con maggiore capacità di ripresa, maggiore flessibilità e capacità di prendere le giuste decisioni operative e strategiche per il vantaggio a lungo termine di tutti i suoi stakeholder.

Willie Walsh, CEO di IAG, ha dichiarato:
“Il nostro settore sta affrontando una crisi senza precedenti e le prospettive rimangono incerte. Tuttavia, siamo fermamente convinti che sia giunto il momento di guardare al futuro e rafforzare la posizione finanziaria e strategica di IAG. Mentre abbiamo dovuto prendere decisioni difficili sia sulle persone che sui costi, queste azioni sono quelle giuste per proteggere quanti più lavori e servire quanti più clienti possibili e mettere IAG nella posizione più forte possibile. L’industria si riprenderà da questa crisi, anche se non prevediamo che ciò avvenga prima del 2023 e ci saranno opportunità per IAG di capitalizzare sulla sua posizione di forza e di leadership “.

Come risposta immediata al difficile contesto di mercato, il Gruppo ha adottato misure per mitigare, per quanto possibile, gli impatti finanziari e operativi negativi della pandemia di COVID-19. Queste azioni includevano:

  • Riduzione significativa dei costi operativi settimanali: riduzione della capacità passeggeri del 95%. nel secondo trimestre 2020, riducendo le spese non essenziali, attuando riduzioni salariali concordate dai sindacati per il personale, riduzioni delle retribuzioni di gestione e delle commissioni del consiglio di amministrazione, nonché licenziamenti degli appaltatori. Lo IAG ha anche avuto accesso ai piani di supporto dei dipendenti pubblici fornendo personale nel Regno Unito, in Spagna e in Irlanda. Queste azioni combinate hanno comportato una riduzione delle spese operative di cassa settimanali da € 440 milioni nel 1 ° trimestre a € 205 milioni nel 2 ° trimestre 2020 (€ 193 milioni esclusi i costi di volo per trasporto merci);
  • Dimezzamento del capex lordo 2020-2022: il capex lordo pianificato 2020-2022 è dimezzato di circa € 7,0 miliardi a € 7,3 miliardi, di cui € 1,5 miliardi nel 2020, € 2,3 miliardi nel 2021 e € 3,1 miliardi nel 2022 e assicurando finanziamenti per tutto il 2020 capex della flotta;
  • Riduzione delle consegne di nuovi aeromobili: le consegne di aeromobili 2020-2022 sono state ridotte da 68 a 75 a causa di rinvii e cancellazioni e sono stati implementati ulteriori ritiri di flotta, incluso il ritiro di 53 aeromobili a lungo raggio entro la fine del 2020. IAG mantiene la flessibilità di restituire ulteriori aeromobili noleggiati nel 2021 (42 aeromobili) e nel 2022 (54 aeromobili);
  • Gestione proattiva del capitale circolante: afflusso netto di capitale circolante di 447 milioni di euro nel primo semestre 2020 a seguito di una serie di azioni come la riscossione di entrate straordinarie dal processo di fatturazione delle agenzie dovuto dal 2019; accelerazione della fatturazione e attenzione alle collezioni; gestione delle cancellazioni delle prenotazioni dei clienti; differiti di pagamento dei fornitori negoziati e vendita di punti fedeltà da attività promozionale; e
  • Azioni decisive per aumentare la liquidità: ampliato $ 1,38 miliardi di RCF British Airways; Annullato il dividendo finale di € 337 milioni per il 2019; raccogliendo 0,3 miliardi di sterline dal Covid Corporate Finance Facility del Regno Unito e 1,0 miliardi di euro di prestiti a termine (che sono il 70% garantiti dall’ICO in Spagna); e organizzando 1,0 miliardi di dollari di strutture ponte garantite contro gli aerei. Inoltre, il Gruppo ha assicurato circa 780 milioni di euro dalla vendita e dal noleggio di 10 aeromobili e circa 750 milioni di sterline dall’ampliamento della partnership commerciale mondiale con American Express.

A seguito delle azioni intraprese da IAG (esclusi i proventi dell’aumento di capitale proposto) il Gruppo deteneva una posizione di liquidità al 30 giugno 2020 di € 8,1 miliardi, comprendente liquidità e mezzi equivalenti per € 6,0 miliardi e € 2,1 miliardi di azioni non utilizzate e impegnate strutture finanziarie per gli aeromobili. Ciò si confronta con una posizione di liquidità di € 8,6 miliardi al 31 dicembre 2019 ed è precedente alla c. 380 milioni di € vendita e locazione di 5 aeromobili completata a luglio e ricevuta dell’estensione di £ 750 milioni della partnership commerciale mondiale con American Express previsto per agosto.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi