Ryanair

La seconda ondata, la grande paura di Ryanair

Tempo di lettura < 1 minuto

Ryanair durante la presentazione del Q1 2021 non nasconde la sua grande preoccupazione per la seconda ondata, che potrebbe esserci questo autunno .

E’ stato il trimestre peggiore della storia Ryanair, con una perdita netta di 185 milioni di euro.

Nello stesso periodo del 2019, Ryanair registrava un utile netto di € 243 milioni, i ricavi sono diminuiti di quasi € 2,2 miliardi, a € 125 milioni.

“L’ultimo trimestre è stato il più impegnativo nei 35 anni di storia di Ryanair“, si legge nella nota con i dati del trimestre, “Una seconda ondata di casi Covid-19 in Europa nel tardo autunno è la nostra più grande paura in questo momento”

La riduzione dei costi dell’85% non ha evitato le perdite.

Ryanair ha toccato un aspetto che potrebbe anche essere visto come un attacco ai suoi rivali che indeboliti, lasceranno spazio ad altri vettori, Ryanair ha detto che questa possibilità offrirebbe a Ryanair l’opportunità di espandere ulteriormente la sua flotta e la sua rete, approfittando dei minori costi aeroportuali e aerei.

Ryanair al momento ha riattivato una capacità del 40% rispetto al pre-Covid, ed il 90% della sua rete, prevede di aumentare al 60% in agosto e al 70% a settembre.

Per tutto l’anno, si prevede che il traffico diminuirà del 60%, da 149 a 60 milioni di passeggeri

Il Max si prevede che non arrivi prima della fine dell’anno, i primi mesi del 2021 Ryanair dovrebbe avete in servizio circa 40 Boeing B737Max.

Ryanair rinnova anche la sua preoccupazione per una Brexit senza accordo.

Q1 RESULTS FY21

Q1 RESULTS FY21 Presentation

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi