Airlines UK

Airlines UK chiede al governo la sospensione dell’APD

Tempo di lettura 3 minuti

Non vi è dubbio che la crisi del settore aereo a causa della pandemia sia stata più forte nel Regno Unito che in altri paesi.

I vettori inglesi riuniti in Airlines UK, tra cui British Airways, easyJet e Ryanair, hanno invitato il governo del Regno Unito a sospendere la tassa sui voli (APD*) per aumentare la domanda e aiutare l’industria nella ripresa post pandemia.

Chiedono al governo di rinunciare al Air Passenger Duty* per un anno per salvare diverse rotte e fino a 8.000 posti di lavoro in un settore che è stato colpito dal virus e che sta già affrontando oltre 30.000 tagli di posti di lavoro, che potrebbero aumentare.

Le compagnie aeree, gli aeroporti e le società di assistenza a terra britanniche hanno beneficiato di regimi e prestiti di sostegno all’occupazione governativi, ma non esiste un pacchetto di sostegno specifico per l’industria.

Anche in Italia, Matteo Castioni,Presidente di AICALF, sottolineando ancora una volta la gravità della situazione lancia un allarme al governo italiano, che non ha ascoltato le loro richieste:Siamo stupiti di come le proposte da parte di un’associazione come la nostra, che rappresenta vettori aerei che permettono ogni anno a circa 75 milioni di passeggeri di viaggiare in Italia, e le richieste di incontro con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti siano state del tutto ignorate. Nonostante vediamo davanti a noi un periodo davvero buio, continuiamo a sperare di
poter essere ascoltati al più presto dalla Ministra Paola De Micheli. Il nostro obiettivo è dialogare in modo costruttivo per sciogliere i nodi che non permettono al settore aereo di essere protagonista in questa fase di rilancio del Paese prima che sia troppo tardi, e dare risposte certe sia agli operatori sia ai passeggeri”
.

Uno studio condotto da York Aviation e commissionato da Airlines UK, da segnali allarmanti sulle previsioni per i prossimi 12 mesi senza un aiuto da parte del governo inglese.

Lo studio evidenzia un dato importante, la rinuncia all’APD aumenterebbe la domanda di passeggeri di circa il 12% nei prossimi 12 mesi. Ciò equivale a circa 21 milioni di passeggeri.

Una deroga APD* potrebbe potenzialmente salvare 8000 posti di lavoro nei prossimi 12 mesi e consentire al settore di sostenere ulteriori 7 miliardi di sterline in GVA. Questo risparmio GVA è circa 3,3 volte maggiore delle entrate previste da APD nei prossimi 12 mesi.

Tim Alderslade, CEO di Airlines UK , ha dichiarato: “Gli aeroporti del Regno Unito rischiano di perdere molte rotte preziose nei prossimi mesi a meno che il governo non intervenga con un pacchetto di supporto per il nostro settore – a partire da una deroga di emergenza APD per farci passare l’inverno e nella ripresa. Alcune di queste rotte potrebbero non tornare mai più, ma entro il prossimo luglio gli aiuti APD risparmieranno quasi la metà che altrimenti andrebbero persi. Il Regno Unito è entrato in questa crisi come il terzo miglior paese al mondo collegato – sarebbe una tragedia se attraverso l’inazione e l’abbandono del governo dovessimo rinunciare inutilmente a questa posizione ai nostri rivali più vicini. “

Andrew Griffith, deputato di Arundel e South Downs ed ex consigliere d’affari n. 10 del Primo Ministro , ha dichiarato: “Non è mai stato così vitale che la Gran Bretagna rimanga aperta al mondo degli affari. Sarebbe disastroso per i nostri aeroporti regionali e internazionali perdere centinaia di rotte verso importanti destinazioni commerciali e turistiche globali. Sebbene non sia la risposta completa, se sospendere il vento contrario della tassa sui passeggeri aerei può aiutare a far tornare in piedi l’aviazione del Regno Unito – uno dei gioielli della nostra corona industriale – non ci si sarebbe dimenticati di non prenderla seriamente in considerazione. “


* L’APD Air Passenger Duty è una tassa sui voli passeggeri dagli aeroporti del Regno Unito di 13 sterline per un biglietto in economy per un volo tra il Regno Unito e l’Europa, e supera le 170 sterline per alcune destinazioni di lungo raggio.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi