United Airlines

Nuovi finanziamenti per United, una scommessa per il futuro

Tempo di lettura 2 minuti

Sono davvero tanti, United Airlines ha consolidare il bilancio con un piano per l’emissione di nuove azioni sul mercato, $ 4,5 miliardi di prestiti garantiti dai contribuenti statunitensi e altri $ 5 miliardi da tre banche (Goldman, Barclays e Morgan Stanley) a garanzia strano ma vero… il programma frequent flyer di United.

United prevede costi per ogni giorno in media di circa 30 milioni di dollari nel terzo trimestre, tra le più alte del settore, un piano espansivo molto coraggioso.

Burkett Huey di Morningstar, un analista molto conosciuto in USA, ha commentato: “Questi programmi frequent flyer sono davvero l’oca d’oro delle compagnie aeree, sono il motivo per cui le compagnie aeree nordamericane hanno storicamente. . . aveva solo il 20% circa della capacità globale, ma metà degli utili globali delle compagnie aeree. Mettere a garanzia il programma frequent flyer è probabilmente una delle mosse più aggressive che ho visto finora.

United ha dichiarato di aspettarsi un aumento della liquidità fino a $ 17 miliardi a conclusione del piano. “La liquidità aggiuntiva fornirà una flessibilità ancora maggiore in quanto la compagnia aerea attraversa la crisi finanziaria più dirompente nella storia dell’aviazione“.

I programmi frequent flyer perchè hanno un così alto valore? Principalmente per il gran numero di informazioni, big data… che hanno un valore altissimo sul mercato, in particolare in 4 ambiti: applicazione, modellazione, approfondimenti e analisi, si possono generare nuovi ricavi commercializzando i flussi di dati esistenti, nel rispetto delle normative della privacy vigenti nei vari paesi e con le dovute autorizzazioni dei proprietari del dato.

Ma non solo i big data, United ha dichiarato che ad esempio con il suo programma di fidelizzazione prevede di generare entrate tra i $ 300 milioni e $ 350 milioni nel terzo trimestre, ha generato nel 2019 tra un quarto e un terzo dei profitti, United ha valutato il suo programma l’incredibile valore di $ 21,9 miliardi, quasi il doppio della capitalizzazione di mercato del vettore, in caso di vendita non perderebbe il controllo del programma.

Per quanto riguarda l’emissione di nuove azioni, United prevede di vendere 28 milioni di azioni ad un prezzo massimo di $ 34,30 ricavando quasi un miliardo di dollari di nuoca liquidità.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi