Coronavirus Covid-19

distanziamento a bordo: precisazione ENAC

Tempo di lettura 2 minuti

In riferimento al numero massimo di passeggeri imbarcabili per effetto delle normative ad oggi viventi in Italia (DPCM e nota ENAC) ENAC ha emesso il seguente comunicato.

Dopo il 14 giugno, in mancanza di diverse indicazioni del Ministero della salute, in Italia si applicheranno le Linee guida EASA.

Il comunicato

Si precisa che l’ENAC, così come previsto dal DPCM del 17 maggio 2020, non è responsabile del rispetto delle misure sanitarie ivi imposte che prevedono il distanziamento nella misura di 1 mt. tra i passeggeri.

Ai sensi dell’all. 15 del suindicato DPCM, in vigore fino al 14 giugno, TUTTI i vettori operanti in Italia, indipendentemente dalla nazionalità sono tenuti all’obbligo di tale distanziamento.

Dopo il 14 giugno, in mancanza di diverse indicazioni del Ministero della salute, in Italia si applicheranno le Linee guida EASA, le quali non sono prescrittive, ma suggeriscono che, ove possibile, si debba rispettare a bordo la distanza di 1.5 mt.

I vettori che vendono tutti i posti da ora al 14 giugno senza tenere conto dell’obbligo di distanziamento lo fanno a rischio di sanzione (che viene accertata all’arrivo in Italia, e quindi a posteriori) anche penale.

L’ENAC provvede prontamente a verificare e segnalare al Ministero della salute i casi sospetti che si evincono dal numero maggiore di passeggeri rispetto al coefficiente consentito dell’aeromobile.
I componenti di nuclei familiari conviventi possono sedere vicini.

Inoltre con nota del Direttore Generale ENAC-DG-26/05/2020-0051694-P – Obbligo del rispetto del distanziamento interpersonale a bordo degli aeromobili, negli aeromobili che hanno configurazione con due file di sedili da tre posti, in base a quanto stabilito nell’all. 15 del DPCM 17 maggio 2020, se i sedili sono disposti nella direzione di marcia dell’aeromobile, può non essere rispettato il distanziamento verticale perché i passeggeri sono separati dallo schienale e si danno le spalle (cioè non si trovano faccia a faccia).

A queste condizioni si può lasciare libero il sedile di mezzo e occupare tutte le file dell’aeromobile.

Rimane fermo l’obbligo di indossare la mascherina per tutto il viaggio.

Non esistono deroghe se non per i voli di rimpatrio coordinati da Maeci (concessa da Ministero della salute).

https://www.enac.gov.it/news/coronavirus-covid-19-informazioni-ai-passeggeri

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi