Wizz Air

József Váradi, il Regno Unito è uno dei paesi…

Tempo di lettura 3 minuti

La testardaggine della Gran Bretagna nel proseguire con il piano di quarantena è inutile e inutilmente “dura”, il paese rimane uno dei maggiormente colpiti in Europa dal coronavirus, ha detto József Váradi, AD di Wizz Air.

È una misura estrema e non sono sicuro di quanto abbia uno scopo. . . altri paesi sono migliori del Regno Unito. Esistono altri modi“, ha affermato Váradi, mentre annunciava un netto balzo degli utili annuali nonostante l’impalo della pandemia.

Il segretario del Regno Unito Priti Patel ha confermato alla Camera dei Comuni che le misure di quarantena sarebbero in atto dal prossimo lunedì (8 giugno) e richiederanno un autoisolamento di 14 giorni.

22 miliardi di sterline all’anno nel settore dell’aviazione del Regno Unito.

L’industria dell’aviazione avverte che la quarantena si aggiungerà alla crisi che ha già portato le compagnie aeree a cercare prestiti governativi di emergenza per sopravvivere al collasso e l’industria alberghiera ha affermato che potrebbe mettere a rischio 1,2 milioni di posti di lavoro.

Proprio mentre la maggior parte dei paesi europei stanno continuando ad allentare le restrizioni in vista della stagione estiva per ridurre al minimo l’impatto sulle loro industrie turistiche, la Gran Bretagna impone una quarantena, una misura ha detto Váradi “direttamente contraria al comportamento della maggior parte dei paesi europei …Tutti gli altri paesi si stanno ora allentando nell’Europa continentale, se vuoi viaggiare, si può e diventerà sempre più facile andando avanti.

Wizz Air è stato uno dei primi vettori europei a dichiarare la propria intenzione di tornare in volo con una capacità significativo dopo che tutte le compagnie hanno messo a terra i propri aerei alla fine di marzo.

Váradi ha affermato che Wizz Air intendeva stimolare la domanda con prezzi più bassi e avrebbe cercato opportunità di espandere la propria rete di rotte in nuovi paesi, prendendo anche il posto lasciato libero in alcune rotte e aeroporti lasciati libere da altre compagnie aeree che si sono ridimensionate per affrontare questa crisi, ed infatti ha annunciato l’apertura il prossimo luglio della nuova base di Malpensa oltre a quella di Tirana.


VEDI ANCHE: C’è chi può e chi non può, Ryanair ha da sempre avviato “guerre” sui prezzi al ribasso, provocando svalutazioni sulle tariffe che i concorrenti a fatica riescono a sostenere.

Ryanair ridurrà i prezzi dei voli di oltre la metà e opererà in perdita nel prossimo anno in un grave attacco contro rivali in difficoltà, ha rivelato Michael O’Leary agguerrito più che mai.


Per incoraggiare i passeggeri a riprendere l’aereo Váradi prevede che le tariffe potrebbero scendere fino al 10-20% in tutto il settore.

Ha anche avvertito che non ci saranno nel 2021 dati migliori di quelli del 2019, anche se vi sarà una forte ripresa dopo lo stop completo dei voli gli scorsi mesi.

I primi dati sono rassicuranti, in Bulgaria vola al 55% della capacità e in media i suoi aerei erano pieni del 70% ed un sondaggio ha mostrato che i due terzi dei passeggeri erano pronti a tornare a volare entro sei mesi e un terzo voleva viaggiare nei prossimi due mesi.“Non sto dicendo che la domanda sarà la stessa del 2019 ma è alta”

Utile in aumento del 128%

I commenti di Váradi sono arrivati ​​proprio quando Wizz Air ha annunciato un aumento importante del 128% dell’utile ante imposte a € 294,1 milioni per l’anno fiscale conclusosi il 31 marzo, proprio mentre il pieno impatto del coronavirus ha colpito l’industria aerea europea.

I ricavi sono aumentati del 19% a 2,8 miliardi di euro. L’utile netto sottostante è aumentato di quasi il 30% a 344,8 milioni di euro, escludendo un addebito di 63,7 milioni di euro per le coperture di combustibile fuori produzione.

Non vi è stato alcun dividendo. L’utile base per azione è aumentato da 1,69 p a 3,76.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi