Johan Lundgren CEO di easyJet easyJet

Questa devastante politica di quarantena spaventerà l’economia per sempre

Tempo di lettura < 1 minuto

Queste le parole di Johan Lundgren CEO di easyJet che ridimensiona in parte anche i termini utilizzati nella lettera ai dipendenti che annunciava l’inizio di una riorganizzazione con il taglio del 30% del personale.

Questa settimana, ho dovuto annunciare che potremmo dover ridurre il nostro personale fino al 30%. Mi dispiace di aver dovuto consegnare notizie così terribili, ma questa crisi ci ha lasciato con poca scelta.”

In un articolo per il Daily Mail il CEO di easyJet affronta il tema “sopravvivenza” e tutela dei posti di lavoro “Il mio obiettivo ora è garantire che easyJet sopravviva e che proteggiamo i lavori a lungo termine.”

Johan richiama l’attenzione sulla necessità di un intervento del governo anche sul ritiro della quarantena in UK per poter ripartire La quarantena limiterà fortemente la connettività britannica. Ciò renderà molte rotte internazionali non praticabili per i viaggiatori nel Regno Unito. Un’esenzione solo per i viaggi di lavoro da sola non risolverà questi problemi, poiché la stragrande maggioranza dei passeggeri viaggia per piacere. Senza i viaggi di piacere, pochi percorsi su qualsiasi compagnia aerea sarebbero praticabili.”

Non solo in Italia, anche in UK i vettori lamentano di non essere stati coinvolti nelle decisioni: “È stato frustrante che il governo abbia scelto di non consultare il nostro settore in merito all’attuazione delle misure di quarantena.”

Rispondi