Ryanair

Ryanair un pre-covid positivi

Tempo di lettura 4 minuti

La Holding di Ryanair ha registrato un utile per l’intero anno di € 1.002 milioni (esclusa l’inefficacia della copertura), rispetto a € 885 milioni dell’anno scorso.

Il traffico è cresciuto del 4% a 149 milioni di ospiti, così come le entrate per passeggero aumentate del 6% a € 57 (tariffe superiori del 2% e entrate accessorie in aumento del 16%).

Puntualità con oltre il 90% dei voli in orario (esclusi i ritardi ATC)

Sono state aperte 5 nuove basi e 390 nuove rotte, con Malta Air che è diventata la quarta compagnia del gruppo ed ha preso in gestione il personale e gli aerei delle basi in Italia, Francia, Germania e Malta.

Bilancio solido ed una liquidità maggiore di tutti gli altri vettori europei, gran parte di questa non vincolata per il rimborso dei titoli di viaggio dei clienti.

COVID-19

La maggior parte della flotta di Ryanair è stata messa a terra da metà marzo a causa dei divieti di volo e delle restrizioni del governo dell’UE.

Queste basi hanno ridotto il traffico di marzo e dell’intero anno di oltre 5 milioni di ospiti e ridotto i profitti dell’esercizio 20 di oltre 40 milioni di euro.

Come aggiornato il 1 ° maggio, Ryanair prevede di operare meno dell’1% del suo programma di volo programmato nel primo trimestre (da aprile a giugno).

Alcuni servizi di ritorno ai voli sono previsti nel secondo trimestre (luglio-settembre) e Ryanair prevede di non trasportare più del 50% del suo obiettivo di traffico Q2 originale di 44,6 milioni, in quanto le prenotazioni saranno influenzate dalle restrizioni sulla salute pubblica (controlli della temperatura e rivestimenti del viso per passeggeri e personale) e requisiti di quarantena.

Ryanair nella nota “Quando le compagnie aeree del Gruppo torneranno al volo di linea a partire da luglio, il panorama competitivo in Europa sarà distorto da quantitativi senza precedenti di aiuti di Stato (in violazione delle norme dell’UE) in base ai quali oltre 30 miliardi di euro sono stati donati al gruppo Lufthansa, Air France-KLM, Alitalia , SAS e norvegese tra gli altri. Pertanto, prevediamo che il traffico su orari di volo ridotti sarà soggetto a importanti sconti sui prezzi e vendite sottocosto da questi vettori di bandiera con enormi casse di guerra in materia di aiuti di Stato.

Lufthansa Group€12,4 bn 
Air France-KLM€10,1 bn
Alitalia€3,5 bn
TUI€1,8 bn
SAS€0,8 bn
Finair€0,7 bn
Norwegian€0,3 bn
Aiuti di stato fonte: Ryanair


Nell’anno finanziario pre-covid le vendite sono cresciute del 10% a € 8,5 miliardi, guidate da una crescita del traffico del 4% a 149 milioni e tariffe più alte del 2%, .

Costi

I costi del carburante sono cresciuti del 14% (+ € 335 milioni) a € 2,8 miliardi a causa dei prezzi più alti e della crescita del traffico del 4%. I costi unitari del carburante ex sono stati influenzati negativamente da un calo del 48% nel traffico di marzo (-5,2 milioni di ospiti), di conseguenza sono aumentati del 4% (in anticipo rispetto al + 2% programmato).

I costi del personale più elevati (aumento della retribuzione del pilota e rapporti più elevati dell’equipaggio con il rallentamento delle dimissioni del pilota) e i costi di manutenzione (aeromobili più vecchi più lunghi nella flotta a causa dei ritardi di consegna del Boeing MAX) sono stati compensati dalla riduzione dei costi dell’UE 261 (a causa di un migliore puntualità- prestazioni) e costi di rotta inferiori.

BUZZ

Buzz ha aumentato la sua flotta a 45 B737 ed ha aperto nuove basi fuori dalla Polonia a Praga e Budapest.

Lauda

Lauda ha sottoperformato nel FY20 con tariffe inferiori alle attese, a causa dell’intensa concorrenza sui prezzi delle filiali Lufthansa nei principali mercati austriaci e tedeschi.

Il traffico FY20, tuttavia, è cresciuto a 6,4 m con elevati fattori di carico.

A causa delle restrizioni Covid-19, la flotta di Lauda è stata messa a terra dal 17 marzo.

Con i costi che precedono le altre compagnie aeree del Gruppo e il principale concorrente di Lauda, ​​Austrian Airlines, si prevede che riceveranno un salvataggio di aiuti di Stato da 800 milioni di euro, Lauda ha dovuto ripensare completamente la sua strategia e ridurre significativamente i suoi piani di crescita.

Il suo team di gestione sta attuando piani di ristrutturazione e riduzione dei costi e sta attualmente discutendo con i suoi dipendenti e i suoi sindacati in merito ai risparmi del personale per garantire il futuro della sua base A320 di Vienna.

Il mancato accordo su riduzioni significative dei costi il ​​20 maggio comporterà la chiusura della base A320 di Vienna il 30 maggio con oltre 300 perdite di posti di lavoro.

Lauda ha già abbandonato i piani per gestire una base a Zara per il gruppo Ryanair.

Malta air

Come Buzz, Lauda e Ryanair DAC, sta rivedendo tutte le aree della sua base di costi in modo che rimanga competitiva nei suoi mercati principali in cui competerà contro i vettori legacy salvati dal governo.

Gruppo

Il DAC Ryanair si è comportato bene nell’anno 20 e ha aperto nuovi mercati in Armenia, Georgia e Libano. La sua flotta, tuttavia, è scesa a 275 B737 poiché sia ​​Buzz che Malta Air hanno rilevato le operazioni di volo del Gruppo.

La puntualità è migliorata di oltre il 90% (esclusi i ritardi ATC) grazie all’investimento di Ryanair in nuovi accordi di gestione a Stansted, Polonia e Spagna.

A settembre, Eddie Wilson è stato nominato CEO di Ryanair DAC.

Aggiornamento Boeing MAX

È passato più di un anno da quando il Gruppo avrebbe dovuto consegnare il suo primo aereo Boeing 737-MAX-200.

Boeing sta attualmente guidando un ritorno di fine estate al servizio negli Stati Uniti per il B737-MAX.

Nella nota: “Riteniamo che sarà necessario attendere ottobre prima di ricevere il nostro primo aereo MAX-200. Rimaniamo fan di e ci impegniamo con questi “gamechanger” con il 4% di posti in più e il 16% di carburante in meno, che trasformerà la base di costo di Ryanair per il prossimo decennio. Stiamo attualmente rivedendo i piani di crescita a breve termine e stiamo negoziando attivamente con i locatori A320 sia di Boeing che di Lauda per ridurre le consegne pianificate nei prossimi 24 mesi per riflettere una crescita del traffico più lenta dopo Covid-19 nel 2020 e 2021.

Stato patrimoniale e liquidità

Il bilancio di Ryanair è uno dei più forti del settore con un saldo di cassa corrente di € 4,1 miliardi (Ryanair ha recentemente raccolto £ 600 milioni sotto il CCFF del Regno Unito) e 330 B737 non vincolati (77% della flotta di proprietà). Da metà marzo, il Gruppo ha implementato una serie di misure per preservare la liquidità, ridurre i costi, annullare i riacquisti di azioni e differire le spese operative e di capitale non essenziali. Di conseguenza, l’ustione di cassa settimanale media è scesa da ca. € 200 milioni a marzo a poco più di € 60 milioni a maggio. Questa liquidità consentirà al Gruppo di resistere a Covid-19 e di emergere più forte quando la crisi passerà.” [Ryanair]


FY 20 Results  FY 20 Presentation

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi