Aviation

Le linee guida di ACI Europe e IATA

Tempo di lettura 8 minuti

ACI Europe e IATA, che rappresentato rispettivamente aeroporti e compagnie aeree, hanno redatto delle linee guida comuni per la sicurezza dei passeggeri in aeroporto e durante il volo.

Quasi ogni sfida nel settore dell’aviazione richiede uno sforzo di squadra per risolverlo. Oggi affrontiamo la più grande sfida nella storia dell’aviazione commerciale: riavviare un settore che ha in gran parte cessato di operare oltre confine, garantendo nel contempo che non sia un vettore significativo per la diffusione di COVID-19. questo è l’obbiettivo congiunto di ACI Europe e IATA.

Al momento non esistendo un’unica misura in grado di mitigare tutti i rischi di riavvio del viaggio aereo, IATA e ACI ritengono che un’implementazione efficace su un approccio basato sui risultati e stratificato, delle misure che vedremo in questo articolo, tutte immediatamente applicabili, rappresentano il ​​modo più efficace di bilanciare la mitigazione del rischio con la necessità di sbloccare le economie e di consentire il viaggio nel termine immediato.

Man mano che si ottiene ulteriore chiarezza in termini di misure aggiuntive come test COVID-19 efficaci e immunità, nuove misure possono essere incorporate nel processo passeggeri per mitigare ulteriormente i rischi e rafforzare ulteriormente la fiducia nei viaggi aerei.

Avi Europe e Iata sottolineano come si possa riuscire a superare la crisi in atto solo con la collaborazione comune e costruttiva di tutti i soggetti interessati del settore aereo, comprese le autorità pubbliche

I principi guidadel documento seguono alcuni principi, tutte le misure dovrebbero essere basate sui risultati, supportate da prove scientifiche e da una solida valutazione dei rischi basata sui fatti.

Tutte le misure dovrebbero mirare a ridurre al minimo il rischio di trasmissione negli aeroporti (sia a terra che a bordo) e a bordo degli aeromobili attraverso un approccio a più livelli, la collaborazione è fondamentale per garantire misure armonizzate

Misure comuni tra i governi, per essere coerenti a livello internazionale, reciprocamente accettate, essenziali per ripristinare la connettività aerea e la fiducia dei passeggeri nei viaggi aerei, ma non solo anche e non meno importanti tra governi e industria per garantire lo sviluppo e l’attuazione praticabili delle misure operative.

Le misure dovrebbero essere limitate nel tempo e rivalutate / monitorate secondo un programma fisso.

Quando saranno disponibili misure più efficaci, adeguate, meno dirompenti e scientificamente sostenute, dovrebbero essere attuate quanto prima e le misure defunte saranno rimosse.

Qualora fossero necessarie misure di screening sanitario, dovrebbero essere introdotte il più a monte possibile nel processo passeggeri, riducendo al minimo l’impatto sulle operazioni.

È preferibile che i passeggeri arrivino all’aeroporto “pronti per volare”.

Allo stesso modo, e per i viaggi internazionali, è preferibile che la ricevibilità sia determinata al punto di partenza.

I ruoli e le responsabilità esistenti di governi, compagnie aeree, aeroporti e altre parti interessate operative devono essere rispettati nell’attuazione della risposta a COVID-19.

Il finanziamento pubblico delle misure dovrebbe essere garantito, incluso ma non limitato alle infrastrutture o ai cambiamenti operativi necessari per la loro attuazione.

Affrontare la sfida del riavvio, significherà apportare cambiamenti significativi durante il viaggio passeggeri end-to-end, ad es. richiederà lo sforzo dei governi ad assumersi la loro preesistente responsabilità per la gestione del rischio di malattie trasmissibili negli aeroporti e il suo finanziamento

Le compagnie aeree e gli aeroporti dovranno adattare locali e processi per ridurre al minimo i rischi di trasmissione

I passeggeri dovranno avere il potere di assumere un maggiore controllo del loro viaggio, compresa la valutazione responsabile del proprio livello di rischio per la salute prima di un viaggio.

Le raccomandazioni qui presentate sono basate sui risultati, non prescrittive.

Le raccomandazioni si basano sull’attuale comprensione di come viene trasmesso COVID-19, e quindi quali sono i rischi da mitigare, quali sono le migliori soluzioni per farlo efficacemente garantendo la fiducia dei passeggeri.

Poiché al momento non esiste una soluzione definitiva, IATA e ACI europe, raccomandano un approccio a più livelli per il riavvio iniziale, come già fatto per la sicurezza e la protezione, evitando inutili ridondanze, rimedi inefficaci e misure incoerenti.

Riteniamo che questo documento delinei un approccio basato sul rischio che assicuri che l’aviazione continui a essere la forma più sicura del mondo dei viaggi a lunga distanza conosciuta e che non diventi un vettore significativo per la trasmissione di COVID-19. Riavviare con successo il passeggero aereo viaggiare ripristinando la fiducia nella sicurezza del trasporto aereo sono requisiti indispensabili per consentire all’economia globale di riprendersi da COVID-19. In tempi normali, l’aviazione fornisce $ 2,7 trilioni nel contributo globale del PIL. Più di un terzo del commercio globale per valore si muove per via aerea. Oggi, le compagnie aeree e gli aeroporti stanno fornendo servizi insostituibili nella lotta contro COVID-19, trasportando forniture mediche critiche – compresi i DPI – e prodotti farmaceutici. Quando la crisi finisce, l’aviazione deve essere pronta per un altro ruolo: aiutare a ripristinare le economie malandate e sollevare gli spiriti delle persone attraverso il potere del viaggio. Speriamo che questo documento sia uno strumento utile in questo sforzo.

Prima del volo

Tracciamento dei contatti dei passeggeri: prevista la necessità di raccogliere informazioni più dettagliate sui contatti dei passeggeri che possono essere utilizzate per scopi di tracciamento, ove possibile raccolti in formato elettronico e in anticipo rispetto al passeggero che arriva in aeroporto, anche tramite eVisa e piattaforme elettroniche di autorizzazione al viaggio.

IATA e ACI raccomandano vivamente che gli stati istituiscano portali Internet governativi al fine di raccogliere i dati richiesti per i passeggeri.

Nel caso di sospetto positivo i governi dovrebbero applicare un approccio comune in materia per garantire coerenza, se necessario per tali scopi è necessario implementare lo screening della temperatura, in condizioni che riducono al minimo l’impatto sulle operazioni in aeroporto e sull’esperienza dei passeggeri, in particolare per quanto riguarda la capacità di trasporto dei passeggeri attraverso i principali processi terminal, da personale medico professionale e a monte, prima dell’accesso in aree sensibili degli scali aeroportuali.

Distanziamento sociale

Limitato alla fase iniziale di riavvio, in quanto incompatibile con il ripristino e lo sviluppo della connettività aerea nel tempo, dato il loro fattore limitante sulla capacità dell’aeroporto e sulla capacità dell’aeromobile.

È una misura utile per limitare la trasmissione di malattie diffuse nell’aria e potrebbe far parte di un approccio di misure multistrato per limitare le malattie diffuse da goccioline e contatto (di superficie) come COVID-19.

Secondo le norme e i regolamenti locali, come ritenuto necessario e in collaborazione con l’autorità aeroportuale locale, se si considerano le misure di allontanamento sociale / fisico, queste dovrebbero essere coerenti con ciò che viene applicato per altri mezzi di trasporto – in particolare i trasporti pubblici urbani utilizzati per l’accesso da / per aeroporti.

Uso di dispositivi di protezione individuale (DPI)

Raccomandiamo l’uso di dispositivi di protezione individuale (DPI) nei terminal dell’aeroporto seguendo le indicazioni delle autorità sanitarie locali.

Pulizia e disinfezione

Insieme all’uso dei DPI, la pulizia e la disinfezione di terminali, infrastrutture e tutte le attrezzature sono i mezzi più efficaci per prevenire la trasmissione di malattie da diffusione di goccioline e contatti (di superficie) come COVID-19.

Questo dovrebbe essere fatto su base regolare e la sua frequenza dovrebbe essere aumentata.

Test COVID-19

L’industria supporta l’uso dei test quando è affidabile e le indicazioni della comunità medica indicano che non sono ancora disponibili test affidabili con risultati rapidi.

Inoltre, secondo IATA e ACI i test sugli anticorpi non sono utili quando si tratta di viaggiare e contenere efficacemente.

I test eseguiti attualmente non sono una soluzione praticabile in un ambiente aeroportuale.

Tuttavia, se l’affidabilità dei test medici migliora, si tratta di una misura che potrebbe essere integrata nel processo passeggeri eliminando misure aggiuntive a monte.

Passaporti immunitari

Al momento non ci sono prove confermate che le persone che si sono riprese da COVID-19 e hanno anticorpi siano protette da una seconda infezione.

L’OMS ha informato che, al 24 aprile 2020, nessuno studio ha valutato se la presenza di anticorpi contro la SARS-CoV-2 conferisca l’immunità alla successiva infezione da questo virus nell’uomo.

Per questo motivo e a questo punto della pandemia, l’uso di tali certificati potrebbe non essere efficace nel contenere i rischi di trasmissione.

Tuttavia, ritengono che i passaporti immunità potrebbero svolgere un ruolo importante nel facilitare ulteriormente il riavvio del viaggio aereo.

Se si potesse documentare che un passeggero si è ripreso da COVID-19 e quindi considerato potenzialmente immune, non richiederebbe molte delle normali protezioni e potrebbe raggiungere l’imbarco dell’aeroporto e i processi di bordo aggirando molte delle misure protettive come il viso copertura, temperatura, ecc.

Passeggeri: procedure self-service e check-in online

Per ridurre al minimo il tempo trascorso in un aeroporto, i passeggeri devono completare il più possibile la procedura di check-in prima di arrivare in aeroporto.

Pertanto, IATA e ACI suggeriscono che i governi dovrebbero rimuovere qualsiasi ostacolo normativo.

Le opzioni self-service dovrebbero essere rese disponibili e utilizzate il più possibile per limitare il contatto in tutti i punti di contatto dei passeggeri.

Dovrebbe essere perseguito anche un passo generale verso un maggiore uso della tecnologia touchless e della biometria.

Bag-drop, laddove vengono utilizzati dispositivi self-service per bagagli, le compagnie aeree dovrebbero guidare proattivamente i passeggeri verso tali servizi.

Imbarco

Sarà necessario un ordinato processo di imbarco per limitare il contatto fisico diretto tra i passeggeri, in particolare quando i fattori di carico iniziano ad aumentare.

Qui una buona cooperazione tra la compagnia aerea, l’aeroporto e il governo è vitale.

Le compagnie aeree dovranno rivedere il loro attuale processo di imbarco a tale scopo.

Gli aeroporti dovranno aiutare a ridisegnare le aree di gate e i governi dovranno adattare eventuali norme e regolamenti locali applicabili.

Dovrebbe essere facilitato il maggiore uso dell’automazione, come l’auto-scansione e la biometria.

Soprattutto durante le prime fasi della fase di riavvio, il bagaglio a mano dovrebbe essere limitato per facilitare un agevole processo di imbarco.

A bordo

Sulla base delle informazioni finta questo momento disponibili, il rischio di trasmissione di COVID-19 da un passeggero a un altro passeggero a bordo è molto basso.

Le possibili ragioni secondo il documento, sono che i clienti si siedono di fronte e non l’uno verso l’altro, gli schienali dei sedili forniscono una barriera, l’uso di filtri HEPA e la direzione del flusso d’aria a bordo (dal soffitto al pavimento) e il movimento limitato a bordo dell’aeromobile una volta seduto si aggiunge alla protezione di bordo.

Come protezione aggiuntiva contro la possibile trasmissione in volo, la IATA raccomanda l’uso di coperture per il viso da parte dei viaggiatori in situazioni in cui non è possibile mantenere la distanza fisica, anche in volo.

A questo proposito, non si deve presumere che sarebbe necessario un distanziamento fisico a bordo (ad esempio attraverso posti bloccati).

Sono state sviluppate linee guida complete per l’equipaggio di cabina che include la gestione di un caso sospetto di malattia trasmissibile a bordo, per il quale l’OMS ha anche una guida allineata*.

Ciò include consigli per un servizio semplificato e un catering preconfezionato.

Per un maggiore comfort dei passeggeri, è possibile fornire ai clienti salviette igieniche per pulire gli spazi circostanti e implementare procedure per limitare i movimenti a bordo.

Le linee guida riviste per la pulizia degli aeromobili sono state pubblicate dalla IATA, dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e dall’EASA **.

Aeroporto di arrivo

Nei controlli alle frontiere e dogane laddove all’arrivo siano richieste dichiarazioni, i governi dovrebbero considerare le opzioni elettroniche (applicazioni mobili e codici QR) per ridurre al minimo i contatti da uomo a uomo.

Per le formalità doganali, ove possibile, si consigliano corsie verdi / rosse per le autodichiarazioni.

Adeguate misure sanitarie devono essere adottate in punti di screening secondari per proteggere i passeggeri e il personale.

Si suggerisce che i governi dovrebbero semplificare le formalità di controllo delle frontiere, abilitando i processi senza contatto (ad es. Relativi alla lettura di tessere di passaporto, riconoscimento facciale ecc.), Istituendo corsie speciali e addestrando i loro agenti a rilevare segni di passeggeri malati.

La possibile riprogettazione delle sale per l’immigrazione deve essere coordinata tra l’aeroporto, le compagnie aeree e il governo.

Consegna Bagaglio

È necessario compiere tutti gli sforzi necessari per fornire un rapido processo di consegna del bagaglio e garantire che i passeggeri non siano tenuti ad attendere un periodo di tempo eccessivo nell’area di consegna.

Sarà inoltre importante che i governi garantiscano che il processo di sdoganamento sia il più rapido possibile e che vengano prese le misure appropriate in caso di ispezioni fisiche dei bagagli per garantire che vengano mantenute le stesse misure di protezione della salute rispetto alla partenza.

Regime unico di sicurezza

Lo screening di sicurezza e sanitario per il trasferimento di passeggeri dovrebbe trarre il massimo vantaggio da un “regime unico di sicurezza”.

Ciò si basa sul riconoscimento reciproco delle misure di screening nell’aeroporto di origine ed elimina il riesame nel processo di trasferimento, eliminando così un punto di accodamento nel viaggio.

Laddove possono essere richieste misure di screening sanitario, è necessario seguire le raccomandazioni per il processo di arrivo.


* Linee guida per le operazioni in cabina – Guidance for Cabin Operations During and Post Pandemic https://www.iata.org/contentassets/df216feeb8bb4d52a3e16befe9671033/iata-guidance-cabin-operations-during-post-pandemic.pdf

** linee guida riviste per la pulizia degli aeromobili sono state pubblicate dalla IATA, dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e dall’EASA.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi