Airbus A3129 Volotea Volotea

Volotea, non solo un ringraziamento al personale sanitario

Tempo di lettura < 1 minuto

Volotea ha deciso di “omaggiare” gli operatori sanitari che in questi due mesi, hanno lavorato senza sosta, per salvare la vita a migliaia di persone, di un piccolo regalo.

Tutti noi non vediamo l’ora che le restrizioni di viaggio vengano allentate e sia nuovamente possibile partire per un weekend o una vacanza, perchè tutti noi abbiamo bisogno di tornare alla normalità, lasciarci alle spalle, senza mai dimenticare, cosa può accadere al mondo e una delle cose più belle, una delle cose positive che questo lockdown ci ha “regalato” siamo tornati fieri di essere Italiani.

Cerchiamo ora però di non dimenticare che potremmo tornare indietro se non rispettiamo il distanziamento e tutte le norme di prevenzione al contagio.

Le compagnie aeree compresa Volotea, faranno la loro parte, seguiranno tutte le procedure ed i protocolli di contrasto al contagi o e di sanificazione a bordo degli aeromobili, ma c’è bisogno della collaborazioni di tutti noi.

Ma veniamo a Volotea, che ha deciso di offrire uno sconto di ringraziamento del 50% su tutti i voli del 2020 a tutti gli operatori sanitari dei mercati in cui opera il vettore.

Mettendosi a rischio per la nostra salute, sono certamente diventati i nostri Eroi Locali. Pensiamo che questa iniziativa possa essere di aiuto per quando arriverà finalmente il loro momento di prendersi una pausa.” ha detto Alex de Jesús Chief Experience Officer Volotea. “Come ho detto all’inizio di questo messaggio, crediamo che le cose stiano migliorando e sarà così anche nelle prossime settimane per tutti noi. Nel frattempo continuiamo a prenderci cura dei nostri clienti e a pensare a come torneremo ad offrire i nostri servizi al più presto. Grazie per la tua fiducia e il tuo sostegno e continua a prendirti cura di te.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi