IAG

IAG 300 milioni di sterline dal CCFF

Tempo di lettura 2 minuti

Come easyJet che invece ne ha ottenuti 600, Wizz Air e’ risultata idonea, ma non ne ha fatto richiesta, IAG ha avuto accesso a 300 milioni di sterline in commercial paper dal Coronavirus Corporate Financing Facility (CCFF).

Il Covid Corporate Financing Facility (CCFF) è una struttura di prestito congiunta di HM Treasurye Bank of England (BoE), progettata per supportare la liquidità tra le più grandi società britanniche investment grade, aiutandole a colmare interruzione del coronavirus ai flussi di cassa.

Con questo strumento la Banca d’Inghilterra acquisterà commercialpaper (debito inferiore a 1 anno). Essenzialmente significa che le grandi società del Regno Unito possono prendere in prestito denaro direttamente a HM Treasury.

Chi può accedere?

Le società – e le loro filiali finanziarie – che offrono un contributo sostanziale all’economia del Regno Unito sono in grado di partecipare alla struttura. Le aziende devono farlo tramite una banca – ci sono maggiori dettagli al riguardo nelle seguenti domande.

In pratica, le imprese che soddisfano questo requisito sarebbero normalmente: società costituite nel Regno Unito, comprese quelle con genitori incorporati all’estero e con un’attività commerciale autentica nel Regno Unito; società con un impiego significativo nel Regno Unito; aziende con sede nel Regno Unito. Valuteremo anche se la società genera entrate significative nel Regno Unito, serve un gran numero di clienti nel Regno Unito o ha un numero di siti operativi nel Regno Unito. null

La struttura è aperta alle imprese che possono dimostrare di essere in buona salute finanziaria prima dello shock, permettendoci di esaminare gli impatti temporanei sui bilanci e sui flussi di cassa delle imprese dallo shock stesso. Ciò significa che le società con un rating di investimento a breve o lungo termine, al 1 ° marzo 2020 o equivalente. Sono disponibili ulteriori informazioni in merito a quali passaggi è necessario prendere in dettaglio sotto la domanda “Cosa devo fare se la mia azienda non ha un rating del credito?”.Non saranno ammissibili le carte commerciali emesse da banche, società di costruzioni, compagnie assicurative e altre entità del settore finanziario regolate dalla Banca d’Inghilterra o dall’Autorità di condotta finanziaria. La carta commerciale non sarà inoltre ammissibile se emessa da veicoli di investimento a leva o da società all’interno di gruppi che sono prevalentemente attivi in ​​imprese soggette alla regolamentazione del settore finanziario. I documenti commerciali emessi da enti o autorità pubblici, enti di diritto pubblico o imprese pubbliche non saranno ammissibili. A tal fine, per “impresa pubblica” si intende un’impresa sulla quale lo Stato o altre autorità regionali o locali possono esercitare direttamente o indirettamente un’influenza dominante in virtù della loro proprietà, della loro partecipazione finanziaria o delle norme che la governano. Vi è presunzione di “influenza dominante” quando il Regno Unito o uno Stato membro dell’UE (o autorità regionali o locali del Regno Unito o di uno Stato membro dell’UE), direttamente o indirettamente: (a) detiene la maggioranza del capitale sottoscritto di un’impresa; (b) controlla la maggioranza dei voti associati alle azioni emesse dall’impresa; oppure (c) può nominare più della metà dei membri dell’organo amministrativo, direttivo o di controllo dell’impresa.

Cosa significa essere in buona salute finanziaria?

Il modo più chiaro per dimostrare questo test è avere o acquisire un rating. Per tali imprese, investment grade indica un rating a breve termine di A3 / P3 / F3 / R3 o superiore, o un rating a lungo termine di BBB- / Baa3 / BBB- / BBB basso o superiore di almeno uno dei principali crediti agenzie di rating: S&P , Moody’s , Fitch  o DBRS Morningstar .  

Se le aziende hanno rating diversi da agenzie diverse e una di queste è inferiore al livello di investimento, il commercial paper non sarà idoneo.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi