British Airways

British Airways: 12.000 posti di lavoro a rischio.

Tempo di lettura < 1 minuto

British Airways potrebbe essere costretta a licenziare più di un quarto della sua forza lavoro.

il gruppo IAG ha dichiarato che British Airways sta notificando ai sindacati un programma di ristrutturazione che interesserà la maggior parte dei dipendenti e “potrebbe comportare esuberi fino a 12.000 unità”.

IAG ha avvertito di aspettarsi forte perdite nel secondo trimestre e stima che “il recupero della domanda di passeggeri ai livelli del 2019 richiederà diversi anni“.

“La maggior parte della riduzione del risultato operativo di IAG è stata sostenuta da British Airways, seguita da Iberia e Aer Lingus, mentre Vueling ha registrato un modesto aumento delle perdite operative”, ha aggiunto IAG.

In una lettera ai 42.000 dipendenti di BA, l’amministratore delegato Alex Cruz ha affermato che British Airways deve “agire subito” in quanto non vi è previsto”nessun salvataggio statale per BA”.

Alex Cruz A.D. British Airways: “Dobbiamo agire con decisione ora per garantire che British Airways abbia un futuro forte e continui a collegare la Gran Bretagna con il mondo e il mondo con la Gran Bretagna.”

Ha scritto: “Non sappiamo quando i paesi riapriranno i loro confini o quando i blocchi si chiuderanno, e quindi dobbiamo reinventare e rimodellare la nostra compagnia aerea e creare un nuovo futuro per la nostra gente, i nostri clienti e le destinazioni che serviamo. Questo è stato un messaggio difficile da scrivere e uno che non avrei mai pensato di dover inviare. So quanto sia affiatata la famiglia BA e quanto sarai preoccupato, non solo per te stesso ma anche per i tuoi colleghi. Dobbiamo agire con decisione ora per garantire che British Airways abbia un futuro forte e continui a collegare la Gran Bretagna con il mondo e il mondo con la Gran Bretagna.”

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi