Airbus

Airbus schiera un A350-1000 nella lotta contro COVID-19

Tempo di lettura 2 minuti

Airbus continua ad acquistare milioni di maschere dalla Cina e le consegna in Europa.

Airbus donerà la maggior parte di queste maschere ai governi dei suoi quattro paesi fondatori, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito.

L’Italia non partecipo’ al consorzio Airbus.


Un equipaggio Airbus ha appena completato questa missione di trasporto con un aereo di prova A350-1000.

Questa è la terza missione tra Europa e Cina.

L’aereo è atterrato in Francia oggi domenica 5 aprile con quattro milioni di maschere a bordo.

L’A350-1000 aveva lasciato Tolosa venerdì 3 aprile e si era unito al sito Airbus di Tianjin (Cina) il 4 aprile, prima di decollare in direzione di Amburgo lo stesso giorno.

Da metà marzo, due missioni simili sono state eseguite da un A330-800 e un
A330 MRTT (trasporto cisterna multi ruolo).

Airbus ha anche noleggiato una A400M in aggiunta alla sua flotta Beluga per trasportare carichi di maschere tra i suoi siti europei, in Francia, Germania, Spagna e Regno Unito.

Airbus continuerà a compiere ogni sforzo per sostenere la lotta contro la pandemia di coronavirus.

Vorrei ringraziare tutti i team Airbus che stanno aiutando a combattere Covid-19 Portano i nostri valori ogni giorno aiutando le persone che salvano vite ogni giorno “, ha affermato Guillaume Faury, CEO di Airbus.

Airbus garantisce la salute e la sicurezza dei propri dipendenti e si impegna a supportare i propri clienti e l’ecosistema industriale per garantire la continuità delle attività nel settore.

Allo stesso tempo, Airbus contribuisce a molti servizi pubblici e privati essenziali e collabora anche con partner che svolgono missioni di salvataggio grazie ai suoi aerei, elicotteri e soluzioni spaziali e di sicurezza, per sostenere la lotta globale contro la pandemia.

Airbus fa appello ai suoi dipendenti, alle loro competenze e al loro know-how e utilizza le sue tecnologie nella lotta contro COVID-19.

Ad esempio, Airbus è particolarmente impegnata nella progettazione e produzione di respiratori e visiere stampati in 3D, attrezzature essenziali per gli ospedali.
L’azienda sta unendo le forze con altre organizzazioni in un modo unico per raggiungere questo obiettivo il più rapidamente possibile.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi