Coronavirus Covid-19

IATA: potenziale perdita $76 miliardi

Tempo di lettura 3 minuti

IATA in una nota rinnova la richiesta di un intervento urgente da parte dei governi europei per fornire aiuti finanziari alle compagnie aeree. 

L’ultimo scenario aggiornato di IATA per la potenziale perdita di entrate da parte dei vettori europei è di 76 miliardi di dollari USA e la domanda di passeggeri (misurata in Revenue Passenger Chilometri) dovrebbe essere del 46% inferiore ai livelli del 2019. 

Un calo di questa portata mette a rischio circa 5,6 milioni di posti di lavoro e $ 378 miliardi di PIL supportati dal trasporto aereo.

Alcuni degli impatti a livello nazionale includono:

  • Regno Unito: 113,5 milioni di passeggeri in meno con conseguente perdita di entrate di $ 21,7 miliardi, rischiando quasi 402.000 posti di lavoro e circa $ 32,7 miliardi di contributi all’economia del Regno Unito.
  • Spagna: 93,7 milioni di passeggeri in meno con conseguente perdita di $ 13 miliardi di entrate, con un rischio di 750.000 posti di lavoro e $ 49,4 miliardi di contributi all’economia spagnola.
  • Germania: 84,4 milioni di passeggeri in meno con conseguente perdita di entrate di $ 15 miliardi, con un rischio di 400.000 posti di lavoro e $ 28 miliardi di contributi all’economia tedesca. 
  • Francia: 65 milioni di passeggeri in meno con conseguente perdita di $ 12 miliardi di entrate, con un rischio di 318.000 posti di lavoro e $ 28,5 miliardi di contributi all’economia francese.

Italia: 7 milioni di passeggeri in meno con conseguente perdita di entrate di $ 9,5 miliardi, rischiando 256.000 posti di lavoro e $ 67,4 miliardi di contributi all’economia italiana.

NAZIONEIMPATTO SULLE ENTRATE ($, MILIARDI)IMPATTO SULLA DOMANDA DEI PASSEGGERI (VOLUMI ORIGINE-DESTINAZIONE, MILIONI)POTENZIALE IMPATTI SUI POSTI DI LAVORO POTENZIALE IMPATTO SUL PIL ($, MILIARDI)
Francia-12-65-318.000-28,5
Germania-15-84,4-400.000-28
Grecia-3.2-21,5-193.000-8.3
Irlanda-2-15.2-62.000-8.9
Italia-9.5-67,7-256.000-17.4
Olanda-4.4-23,4-128.400-10.5
Norvegia-2.8-20-81.000-8.7
Portogallo-3-21,3-141.000-6
Russia-7.1-51,7-330.000-7.7
Spagna-13-93,7-750.000-49,4
Svezia-2.3-17-86.000-8
Turchia-5.5-44,7-427.000-19
Regno Unito-21,7-113,5-402.000-32,7

IATA richiede una combinazione di: sostegno finanziario diretto; prestiti, garanzie sui prestiti e sostegno al mercato delle obbligazioni societarie

Sgravi fiscali

L’industria del trasporto aereo è un motore economico, che supporta fino a 12,2 milioni di posti di lavoro in Europa e $ 823 miliardi di PIL. Ogni lavoro creato nel settore dell’aviazione sostiene altri 24 posti di lavoro nell’economia più ampia. I governi devono riconoscere l’importanza vitale del settore del trasporto aereo e tale sostegno è urgentemente necessario. In primo luogo, ciò manterrà le compagnie aeree finanziariamente sostenibili durante l’attuale blocco, preservando posti di lavoro, mantenendo collegamenti essenziali per rimpatriare i cittadini e trasportare forniture di merci aviotrasportate salvavita. In secondo luogo, ciò eviterebbe un ampio danno economico garantendo che le compagnie aeree possano rapidamente aumentare le operazioni in caso di abolizione delle restrizioni di viaggio, avviando le economie europee e globali ”, ha affermato Rafael Schvartzman, vicepresidente regionale IATA per l’Europa.

Oltre al sostegno finanziario, la IATA ha chiesto alle autorità di regolamentazione di fornire misure di soccorso

Le priorità:

  • Una modifica temporanea urgente al regolamento UE 261 sui diritti dei passeggeri. È necessaria una flessibilità a breve termine. Consentire l’uso di buoni invece di rimborsi, come è stato consentito ad alcuni tour operator, darebbe alle compagnie aeree lo spazio per riparare i flussi di cassa.  
  • Fornire un pacchetto di misure per garantire le operazioni di trasporto aereo di merci, comprese le procedure accelerate per ottenere il sorvolo e permessi di atterraggio, esonerare i membri dell’equipaggio di condotta dalla quarantena di 14 giorni e rimuovere gli ostacoli economici (sovrapprezzo, tasse di parcheggio e restrizioni di slot).

Alcuni regolatori stanno prendendo provvedimenti positivi. Siamo grati al Consiglio europeo per aver insistito su una deroga per l’intera stagione alla regola dell’uso delle slot. Ciò consentirà alle compagnie aeree e agli aeroporti una maggiore flessibilità per questa stagione e una maggiore certezza per la prossima estate. Ma c’è ancora molto da fare sul fronte normativo. Gli emendamenti sono urgentemente necessari per dare maggiore flessibilità all’UE 261. E devono adottare misure per mantenere in movimento il trasporto aereo di merci “, ha affermato Schvartzman.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi