Airbus

Airbus si appresta a riprendere parzialmente la produzione in…

Tempo di lettura 2 minuti

Airbus annuncia che si aspetta che la produzione riprendera’ parzialmente in Francia e Spagna lunedì 23 marzo.

Airbus ha svolto un ampio lavoro in coordinamento con le sue parti sociali per garantire la salute e la sicurezza dei propri dipendenti, garantendo al contempo la continuità aziendale.

L’attuazione di queste misure ha richiesto una pausa temporanea delle attività di produzione e assemblaggio nei siti francesi e spagnoli per un periodo di quattro giorni.

Le stazioni di lavoro riapriranno solo se conformi alle nuove misure di salute e sicurezza in termini di igiene, pulizia e auto-distanziamento, migliorando al contempo l’efficienza delle operazioni in nuove condizioni di lavoro.

Le stesse misure vengono implementate su tutti gli altri siti senza interruzione completa.

Per altre attività non produttive a livello globale, Airbus continua a supportare lo Smart working ove possibile.

Ad alcuni dipendenti verrà chiesto di tornare per supportare la continuità aziendale in seguito all’implementazione di queste nuove misure.

A febbraio, la catena di montaggio finale dell’Airbus a Tianjin, in Cina, è stata riaperta a seguito di un’interruzione temporanea della produzione legata allo scoppio del coronavirus e ora funziona in modo efficiente.

Airbus supporta i servizi sanitari, di emergenza e pubblici che si affidano ai suoi aerei, elicotteri, satelliti e servizi per compiere le loro missioni critiche.

Inoltre, nei giorni scorsi, la Società ha donato migliaia di maschere per il viso a ospedali e servizi pubblici in tutta Europa e ha iniziato a utilizzare i suoi velivoli di prova per ottenere maggiori quantità dai fornitori cinesi. Un primo volo con un aereo di prova A330-800 ha trasportato questo fine settimana circa 2 milioni di maschere da Tianjin in Europa, di cui la maggior parte sarà donata alle autorità spagnole e francesi.

Ulteriori voli sono previsti per i prossimi giorni.

La salute e la sicurezza sono la nostra priorità numero uno in Airbus, quindi le postazioni di lavoro nei nostri siti in Francia e Spagna riapriranno solo se soddisfano gli standard richiesti. Vorrei salutare il forte impegno dei nostri dipendenti per garantire la continuità aziendale in stretta collaborazione con le nostre parti sociali e altre parti interessate. Allo stesso tempo stiamo facendo tutto il possibile per supportare quelli in prima linea per combattere il coronavirus e limitarne la diffusione. Cerchiamo di essere all’altezza dei nostri valori, umiliati dalla complessità della situazione, e di contribuire il più possibile alla società in questi tempi molto difficili “, ha affermato l’Amministratore Delegato di Airbus, Guillaume Faury.


Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi