Aeroporti

London LGW, il controllo alla Francese Vinci

Tempo di lettura 2 minuti

La quota di controllo del secondo scalo Londinese passa di mano dal fondo americano GIP ( che in Italia ha anche acquisito la maggioranza Italo NTV) alla francese Vinci con una quota del 50,01%

GIP continuerà a gestire lo scalo e Sir David Higgins presidente della Gatwick Airport Limited, ha dichiarato:

“Accogliamo molto favorevolmente questo impegno dagli aeroporti VINCI a Gatwick, che è un voto di fiducia a Gatwick e al suo potenziale futuro”.

L’A.D. , Stewart Wingate, ha dichiarato:

“Il nostro Presidente ed io, insieme al nostro senior management team, resteremo tutti a Gatwick e non vediamo l’ora di migliorare ulteriormente i servizi per i nostri passeggeri. Non ci saranno cambiamenti nella gestione immediata di Gatwick e prevediamo che la transazione venga completata entro la metà dell’anno prossimo.

“Questa è una buona notizia per l’aeroporto, perché significherà sia continuità, ma anche ulteriori investimenti per i passeggeri nei prossimi anni per migliorare ulteriormente i nostri servizi. Attualmente voliamo in oltre 220 destinazioni in tutto il mondo e siamo ambiziosi di fare ancora di più negli anni a venire.

Rilascia anche un commento in merito alla chiusura dell’aeroporto per quasi due giorni avvenuto qualche giorno fa, in seguito all’avvistamento di due droni nel perimetro aeroportuale poco distante dalla pista:

“Ora siamo di fronte alla recente interruzione all’aeroporto ei servizi sono tornati alla normalità. Vorrei esprimere ancora una volta i miei ringraziamenti ai passeggeri per la loro pazienza durante questo periodo difficile.

“Vorrei anche ringraziare tutti coloro che hanno supportato le mie squadre nel recupero di Gatwick, in particolare le nostre compagnie aeree, la polizia, le forze armate, altri aeroporti, il CAA e il Dipartimento per i trasporti.

“So che questa attività criminale senza precedenti ha causato enormi disagi a migliaia di persone – molte delle quali hanno perso importanti eventi familiari nel periodo che precede il Natale. Abbiamo apprezzato la comprensione e la tolleranza dimostrate in quello che è stato un momento davvero stimolante per tutti, e siamo grati che i passeggeri abbiano riconosciuto che non dovremmo mai fare nulla che possa mettere a repentaglio la loro sicurezza.

“Ovviamente ci sono lezioni strategiche più ampie per tutti i soggetti coinvolti per evitare che ciò accada di nuovo, e Gatwick stessa ha adottato una serie di importanti misure nei giorni scorsi che farebbero una differenza significativa per la capacità di ripresa dell’aeroporto.

“Mentre l’annuncio di oggi segna un momento emozionante nel futuro di Gatwick, io e il mio team restiamo concentrati nel fare tutto il possibile per contribuire a garantire che il viaggio si svolga nel modo più agevole possibile per tutti nel resto del periodo festivo”.

Lo scalo Londinese ha iniziato da qualche anno un restyling ed una razionalizzazione dei servizi, i due terminal sono stati adeguati ai vettori che ne hanno fatto una delle loro basi, in particolare il North Terminal per easyJet e il South Terminal per BA.

Raggiungibile in circa 30 minuti dalla stazione di London Victoria station con il Gatwick Express, ha accolto nel 2018 46 milioni di passeggeri con una crescita del 0.5% rispetto all’anno precedente.

Un numero di passeggeri così elevato che ha richiesto negli scorsi anni la stesura di un Masterplan per la realizzazione di una seconda pista e un nuovo terminal, una sola pista è ormai al limite della capacità e comporta dei limiti all’incremento del traffico, richiesto anche dalle compagnie aeree che continuano a investire su nuove rotte anche a lungo raggio dallo scalo.

Rendering del nuovo terminal dell'aeroporto di London gatwick

Nel sito della società di gestione è possibile consultare i dettagli del piano, comprese le schede tecniche e la fase di avanzamento.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi