Tendenze

Il ritorno del mar Rosso

Nel 2010 ultimo anno di boom di presensze, quando era ancora una delle mete più gettonate, visto il clima, l’offerta alberghiera, ed i costi accessibili,  si contavano 14 milioni di arrivi.

Un anno dopo il crollo, la primavera araba che destabilizzo l’intero Egitto, gli attentati e la situazione politica, non lo rendevano più un paese sicuro, anche la Farnesina sconsigliava ogni tipo di viaggio.

Dal 2017 la ripresa, i tour operator ed il governo, grazie anche a un finanziamento del FMI, hanno investito per recuperare di credibilità e immagine, puntando su offerte rinnovate ed il rilancio culturale e naturalistico dell’intera area.

Alpitour è uno di questi, Pier Ezhaya suo DTO“Ricominciare dopo un periodo di sospensione non è mai facile”. Non è stato facile invertire il trend ed ottenere nell’estate di quest’anno i primi risultati positivi, che sembrano garantire un 2019 altrettanto positivo.

Anche Veratur dalla voce di Daniele Pompili, general manager, brinda al lavoro, ma con cautela con un aumento progressivo dell’offerta mirata ed indipendente, nel 2019 apriranno due nuovi resort e copriranno dall’Italia con voli charter: Marsa Alam da Malpensa, Bergamo, Bologna, Verona, Roma, e Sharm anche da Napoli e Bari, con Neos ed in parte Blue Panorama.

Si punta ad un target diverso e ben specifico, adeguando le offerte alle tendenze attuali e future, cogliendo giustamente l’opportunità del rilancio, ripartendo da zero.

Nuove offerte e un completo restyling delle strutture già presenti, con un attenzione migliorata al servizio e ai plus, senza dimenticare le emozioni, come ad esempio Tui con Tui Magic Life 5 stelle o la catena Jaz, che guardano a chi cerca divertimento o attività sportive a 360 gradi.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi