Aviation

Richiedere un rimborso aereo

Richiedere un rimborso aereo, non è cosi’ difficile come si potrebbe pensare, principalmente le modalità sono due, o inviare il modulo Europeo per la richiesta di rimborso , o appoggiarsi ad uno dei tanti siti ed app specializzate, attenzione però alle commissioni.

Iniziamo con due piccole precisazioni:

Quando hai diritto al rimborso?

  1. I passeggeri devono poter esibire un biglietto valido e devono essere arrivati all’aeroporto in tempo utile per eseguire il check-in.
  2. Hai diritto al rimborso solo se la compagnia aerea é responsabile del ritardo. come ad esempio per problemi tecnici o ritardato arrivo dell’aeromobile.
  3. Puó essere richiesto per ritardi superiori alle 3 ore o per la definitiva cancellazione del volo.

A quanto ammonta il rimborso?

Quando la compagnia è responsabile del ritardo, i passeggeri hanno diritto a un rimborso che dipende unicamente dalla distanza del volo e non dal costo del biglietto. Il regolamento stabilisce che un passeggero che ha subito un ritardo di 4 ore per un volo di 3500km, o più, ha diritto a un rimborso pari a 600€. Per i voli in ritardo la cui distanza va da 1500 a 3500km, il rimborso è pari a 400€. Se, invece, la distanza è inferiore a 1500km, il passeggero avrà diritto a un rimborso di 250€.

Come procedere:

Prima vi consiglio di visitare il sito della compagnia aerea, in alcuni casi ci sono delle sezioni dedicate per velocizzare e semplificare la richiesta.

Veniamo ora alle due possibilità per richiedere il rimborso, se volete procedere da soli, nel sito dell’Enac troverete le indicazioni su come richiedere il rimborso e i moduli da scaricare ed inviare alla compagnia.

In ogni caso tenete ben nota di tutti i dati quali orario effettivo di partenza, orario previsto, motivo del ritardo e di tutti gli scontrini/fatture di eventuali spese sostenute.

La soluzione più semplice è di appoggiarsi a siti o app dedicate, io vi consiglio rimborsoalvolo.it  che senza alcun costo per la gestione della pratica vi segue in tutta la procedura di richiesta fino al rimborso sul vostro conto.

Non viene richiesta alcuna provvigione al passeggero, perchè riborsoalvolo chiede i danni direttamente al vettore e la sua provvigione che spetta per la pratica, entro 24 ore dalla richiesta viene comunicato al cliente se è idoneo alla richiesta danni, nelle successive 24 dalla conferma viene inviata una bozza del mandato, che nel caso in cui contenga dati errati, entro 5 giorni può essere corretta. Trascorsi 5 giorni, anche senza alcuna conferma da parte del passeggero, si avvia la procedura di richiesta danni.

Entro un mese viene fissata l’udienza al Giudice di pace, entro tale termine solitamente la compagnia salda la richiesta di danni, che comprende anche tutte le spese sostenute dal passeggero a causa del ritardo o della cancellazione del volo, ovviamente se giustificate da ricevute o scontrini.

 

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi