Curiosità

Sindrome di wanderlust … ecco perchè!

Se non viaggio almeno una volta al mese mi sembra di avere delle crisi di astinenza, ora ho scoperto il motivo, si chiama sindrome di wanderlustanche detta malattia del viaggiatore, in tedesco significa letteralmente “desiderio di vagabondare”.

I segnali sono inequivocabili, la necessità di viaggiare, conoscere posti e gente nuova, fare esperienze a volte inconsuete e il desiderio di vedere spesso il mare, di staccare la spina e partire per un isola, dove fare delle passeggiate anche in stagioni non calde,   secondo uno studio condotto di recente, fa anche molto bene al cervello.

Senza parlare della sindrome da Skyscanner, l’ossessione per i prezzi dei voli, la continua voglia di avventura e l’idea che ogni viaggio ha il suo giusto prezzo e a volte lasciarsi andare, spendere qualcosina in più ha il suo perchè. Quindi più che una patologia è una vera e propria passione, un hobby adatto a tutti i sognatori e a quelli che pensano che la vita, per essere considerata tale, debba essere curiosa e originale.

Secondo una recente ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista Evolution and Human Behaviour esiste un gene del viaggio nel nostro DNA, ribattezzato appunto gene di wanderlust, si pensa che sia il recettore della dopamina D4, diretto responsabile della passione e dell’amore per tutto ciò che è esotico e sconosciuto. Pare che questo recettore sia in circa il 20% della popolazione mondiale.

Uno studio è stato anche finanziato dal National Geographic che ha rilevato come i wanderluster siano persone maggiormente propense ad affrontare rischi, a provare cibi nuovi, ed hanno il forte desiderio di conoscere.

Io quindi non la chiamerei malattia, ma semplicemente la voglia di seguire una passione che ha portato l’uomo nei secoli a evolvere, ad essere ciò che oggi, a scoprirsi continuamente. Prendere un aereo, far parte anche per qualche giorno di una comunità diversa, vivere una città che non è la nostra, o semplicemente vivere per 48 ore una vita che stacca il nostro cervello dalla normale routine della nostra vita, fa solo che bene , alla mente e ci ricarica di energie.

Ognuno di noi ha delle passioni e se queste sono compatibili con il nostro essere e la nostra vita di tutti i giorni perchè non coltivarle?

#FLY #TRAVEL #DREAM #LIFE 

 

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi