Aviation

AIRBUS

Airbus nasce nel dicembre 1970 come consorzio di imprese francesi e tedesche col nome di Airbus Industrie, a cui poi negli anni si aggiungeranno altre nazioni, non il nostro paese, seppur con Alenia collabora per la produzione di alcune parti, allo scopo di riuscire a competere ad armi pari con i giganti dell’aeronautica statunitensi, in quegli anni BoeingMcDonnell Douglas e Lockheed Aircraft Corporation.

Leader mondiale nella costruzione di aerei ed elicotteri, sia nel settore civile che militare, ha sede a Tolosa ( per gli appassionati è anche possibile visitare lo stabilimento, guarda l’articolo) in Francia ed occupa più di 56.000 dipendenti.

Il suo concorrente diretto è Boeing, anche se esistono altri produttori ma con fette di mercato non paragonabili a quelle di entrambi i colossi. Io personalmente tra le due preferisco di gran lunga Airbus, non solo perchè europea, ma per i modelli come l’A320, uno dei più diffusi per il breve e medio raggio e il più piccolo di casa, l’A318 (poco diffuso e utilizzato ad esempio da Air France ), senza dimenticare il più grande dei modelli realizzati da Airbus, l’A318 (entrambi appartenenti alla stessa seria A320), il gigante dei cieli a 2 piani che ha spodestato il mitico 747, non in termini di numero di velivoli attivi, anche perchè il 747 è in produzioni dagli anni 70, ma in termini di dimensioni.

Airbus come anche Boeing (con i modelli della linea Dreamliner), continua a lavorare su nuovi progetti e sviluppi di quelli attuali, puntando a realizzare velivoli sempre più moderni, non solo design, ma soprattutto tecnologia, in particolare con le nuove serie NEO – New Engine Option,  l’uso di motori più grandi e più efficienti,  l’uso di materiali più leggeri e la modifica di alcune particolarità della fusoliera come l’aggiornamento delle alette d’estremità dalle piccole “Wingtips” (presenti sulla maggior parte velivoli della Airbus A320 family) alle “Sharklets” che hanno un design meno spigoloso e più aerodinamico, si è riusciti a ridurre i consumi di circa il 15% i costi operativi dell’8% e quindi con una drastica riduzione dell’inquinamento sia acustico che ambientale.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi